Nestlé rinunciare alla cioccolata?

Non so se la maggior parte delle persone hanno una conoscenza, ma il Nestlé ha venduto la sua divisione di candy negli Stati Uniti. Se questo sta per essere una tendenza della società, o se è stato solo un commerciale di occasionesolo il tempo dirà.

La vendita della divisione di candy negli Stati Uniti per la Ferrero va al di là di allineamento e di portafoglio e i segnali di, il focus sulla sana alimentazione

L'acquisto della divisione di dolci da Nestlé negli Stati Uniti da italiana Ferrero, ha annunciato questo martedì, 16 anni, è la seconda importante operazione che coinvolge Mark Schneider, amministratore delegato della società svizzera dal dicembre del 2016. Gli analisti di mercato ha già dato la vendita di destra e ha indicato che questo movimento di Nestlé — a disposizione di marche di cioccolatini e dolciumi come BabyRuth, Butterfinger e Crunch – va ben oltre la semplice reindirizzare gli sforzi in portafoglio, ma rende la missione di Schneider: guida la società a un portafoglio che è più sano.

Il movimento della società, dal momento che Schneider ha assunto, è in linea con le altre grandi aziende alimentari come PepsiCo, General Mills e Kraft, Heinz sta facendo. Nel dicembre dello scorso anno, Nestle pagato US$ 2.3 miliardi di dollari entro il produttore di vitamine Atrio Innovazioni. Già la sua divisione di candy negli Stati Uniti, è stato venduto per US$ 2,8 miliardi. Secondo Euromonitor, in quel paese, la quota di mercato di Nestlé cioccolatini è all ' 8,3%, dietro di Hershey, Marte, e Lindt, la presenza sul mercato di Ferrero è del 3,2%. Nel mondo, la Nestlé si è classificato terzo con il 9,6% di share, dietro di Marte e Mondelez.

Nonostante la nuova direzione strategica della Nestlé, l'argomento di ufficiale fornito dalla società, secondo la Reuters, è stata la scarsa performance della divisione di cioccolatini in USA. Raphael Moreau, analista senior per gli alimenti e la nutrizione Euromonitor, afferma che uno dei principali marchi di Nestlé nel mercato americano, Butterfinger, ha sofferto contro i concorrenti con un premio di posizionamento e di marketing aggressive, tra cui Lindt e Marte. “Anche se le società di private equity hanno mostrato interesse, è probabile che Ferrero è disposti a pagare un prezzo più alto per raggiungere l'obiettivo strategico di accrescere la sua presenza in noi. La transazione può fare la Ferrero, uno dei più grandi giocatori di cioccolato nel mondo,” dice Moreau.

Gabriele Rossi, consulente e docente di ESPM, sottolinea che questa è una riduzione del portafoglio, tuttavia, c'è anche la preoccupazione dell'azienda di crescere in nuove nicchie e segmenti promettente. “È importante ricordare che il fatto che un marchio forte e tradizionale nel mercato, oltre ad essere flessibile, non significa che l'estensione sia un successo rispetto ai concorrenti con maggiori economie di scala, più veloce e con un migliore rapporto con i fornitori di categoria”, dice.

Secondo Luís Eduardo Ribeiro, direttore della Lelo, di Logistica, di questo movimento riflette i diversi momenti di Ferrero e nestlè. “La Ferrero cerca di aumentare la produttività e la forza di trading e guadagnare quote di mercato, consolidando la sua posizione come il gigante di caramelle e cioccolatini per il mercato americano. Già Nestlé vuole puntare su segmenti di sano o di margini più elevati, come il caffè, alimenti per animali, acqua e integratori alimentari”. Egli ribadisce che con la vendita, la Nestlé vince un booster box per acquisizioni, con un focus sano. “Altre imprese può accadere presto, secondo le trattative che la società sta facendo con Merck,” dice Ribeiro, riferendosi ai tentativi dell'azienda svizzera cercando di acquistare l'unità di consumo della farmaceutica Merck.

Luiz Morcelli, CMO di Ahoy! Berlino, responsabile per l'arrivo di Berlino, la Scuola di Brasile, dice che l'accordo è un segnale chiaro del modo in cui Nestlé sta prendendo. “Dal momento che si è scelto questo nuovo amministratore delegato, che proviene da una società tradizionale, in tedesco, si segnala la messa a fuoco su più sani prodotti con una vendita significativa in un mercato di consumatori pesante come l'american. E, oltre a questo vendita iconico, lei è il candidato principale per acquisire le operazioni di Merck nel settore dei prodotti di consumo, come le vitamine e supplementi nutrizionali”.

Fonte: Medium E Messaggio

 

Translated by Yandex.Translate and Global Translator

Più

Lascia una risposta

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Imparare i tuoi dati i commenti sono trattati.